News

Ha avviato la carcassa". Scuola, buco nero italiano

18/09/2020 | Italia

Vittorio Feltri difende la Ministra Azzolina: Mi prendo la briga - scrive su Libero - di segnalare che la vituperata scuola, nonostante il dramma del Covid, quest'anno non partita peggio rispetto al passato.

L'istruzione a pezzi da decenni, numerosi istituti stanno in piedi con la saliva e rischiano di crollare, l'organico degli insegnanti storicamente deficitario, l'amministrazione che dovrebbe tenere sotto controllo l'intero ambaradan funziona come mezzo secolo fa, i documenti sono ancora cartacei e quindi dispersivi e provocano lentezze mediorientali, la digitalizzazione del sistema tuttora un miraggio. Va da s che la pubblica educazione non sia all'altezza dei tempi e costringa chi se ne occupa, per esempio la ministra Azzolina, a fare salti mortali. E lei li ha fatti riuscendo in qualche modo a superare le peggiori previsioni e ad avviare la macchina del suo dicastero alla bene e meglio.

Al posto suo, causa anche il casino determinato dalla pandemia, nessuno avrebbe potuto ottenere risultati pi soddisfacenti. Ecco la ragione per cui trovo ingiusto seguitare a perseguitare con critiche ingenerose e addirittura immotivate la ragazza siciliana addetta ai traffici scolastici. vero, come dice Salvini, che il meccanismo didattico paralizzato da sei mesi e forse si poteva provvedere tempestivamente ad approntarlo per settembre, per faccio notare al Capitano che tutta l'Italia stata bloccata, e il governo si impegnato - male - nel contrastare il virus fottendosene allegramente di aule e studenti di ogni ordine e grado. L'unico ministro che si sbattuto, probabilmente commettendo qualche errore, stata proprio la Azzolina. Alla quale diamo atto di essere stata comunque capace di non fare rimpiangere i suoi predecessori. Bench sia grillina le riconosciamo il merito di aver avviato la carcassa pedagogica senza incepparla.



Edita Periodici © All rights reserved.
Cookie policy
segreteria@editaperiodici.it
www.editaperiodici.it


Via B. Bono, 10
24121 Bergamo
Tel. 035 270989
Cod. Fisc. e P.IVA 02103160160
Capitale sociale € 10.000,00 i.v.
Registro imprese nr. 02103160160
REA - 306844
Publifarm